Ardito affetto mio

Mango

Mango – Tu … sì! (1990)

Esordisce nel 1976 e continua a proporre i suoi pezzi con scarso successo. Nel 1984 Mango presenta un provino che rimane però a lungo impantanato sulle scrivanie della Fonit. Si trova presso gli studi della Fonit un “tale” Mogol che ascoltando un passaggio del provino, rimane bene impressionato e chiede di incontrare un Mango in quel periodo, impegnato negli studi di Roma per la realizzazione di un album di Scialpi. L’invito però viene rifiutato dal giovane lucano, ormai sempre più deciso a lasciare la musica per gli studi, e soltanto dopo ripetuti tentativi Mogol riesce nell’intento. L’incontro, avvenuto anche in presenza di Mara Maionchi e di Alberto Salerno, è positivo e si traduce prontamente non solo nella decisione di produrre il giovane artista ma anche di scrivere la lirica per questa musica. Così ebbe vita una delle canzoni più rappresentative e conosciute di Mango: stiamo parlando di “Oro”. Possiamo dire che in seguito a questo evento comincia una nuova avventura discografica, assistito anche da una collaborazione sempre più fitta con Mogol, che segnerà un momento di grande importanza nel suo percorso artistico. Cambio di marcia, e nei successivi 4 anni vengono pubblicati ben 4 album: l’onda. Inarrestabile del successo di Oro lo trascina sulla riviera ligure, infatti nel 1985 ad ospitare Mango è il palcoscenico sanremese. Debutta al Festival con Il Viaggio aggiudicandosi subito il premio della critica, e pubblicato il 45 giri, realizza l’album Australia. Il 1986 lo vede ancora a Sanremo, stavolta gareggia nella categoria Big. E’ il turno di Lei verrà e dell’album Odissea. Nello stesso periodo vince il Telegatto come ‘rivelazione dell’anno’. Nel 1987 è sempre Sanremo: il brano in questione è Dal cuore in poi, ma è un altro il brano che passerà alla storia: è l’anno di Bella d’estate, scritta con Lucio Dalla, il 33 invece prende il titolo di Adesso. Con questo brano ottiene grosse soddisfazioni che non tardano ad arrivare neanche dall’estero, album stampato in tutta Europa, in primis in Germania, ma spopola letteralmente in Spagna dove si colloca ai vertici delle classifiche e ben presto viene pubblicato l’album in lingua spagnola prendendo il nome di Ahora. Nel 1988 Inseguendo l’aquila è il nuovo album dell’artista lucano, in questa occasione l’estratto è Ferro e fuoco. Ancora notevoli riscontri dall’estero ed ancora una pubblicazione in lingua iberica, album che in Spagna cambia nome: Hierro y Fuego. Nel 1990 dopo due anni di pausa, si ritorna a Sanremo, il brano presentato è Tu si… Nel 1992 con l’uscita di Come l’acqua, viene decantato dagli addetti ai lavori come il cantante del pop-mediterraneo. Dallo stesso album, oltre all’omonima Come l’acqua pubblicata in una duplice versione, diventa un vero e proprio caposaldo della musica italiana la pittoresca e descrittiva Mediterraneo. Nel 1994 cambia etichetta, stavolta è con la EMI che pubblica Mango, album omonimo, tra tutte spicca la canzone Giulietta scritta assieme al genio di Pasquale Panella. Nel 1995 arriva una nuova partecipazione sanremese, il brano è Dove vai, premiato come miglior arrangiamento della manifestazione canora, a curarlo è Rocco Petruzzi; in seguito viene pubblicato il primo live di una ormai solida carriera artistica. Nel 1997 ritorna alla Fonit Cetra con la pubblicazione di Credo e il ritorno è in pompa Magna. Per la realizzazione di quest’album, Mango si avvale di collaboratori internazionali del calibro di: Mel Gaynor (batterista dei Simple Minds) e David Rhodes (chitarrista di Peter Gabriel). L’album è musicalmente intriso di atmosfere rarefatte e di ambienti sonori, frutto dei sapienti arrangiamenti di Rocco Petruzzi e Greg Walsh. L’anno seguente l’eco delle sirene Sanremesi hanno ancora fascino ammaliante e con la partecipazione di Zenima, presenta alla platea il brano Luce, magistralmente riproposto in versione inglese nella ristampa di Credo. Nel 1999 un nuovo cambio di casa discografica, stavolta è il turno della WEA. Viene pubblicato così il primo The best ufficiale della discografia, il titolo dell’album è Visto così, contenente 2 inediti composti con l’ormai collaudato fratello Armando e nuovamente con Pasquale Panella. Amore per te fa da spartiacque, ma al seguito vi sono alcune rivisitazioni di brani divenuti dei veri e propri evergreen. Viene inoltre incisa per la prima volta da Mango Io Nascerò, canzone donata a Loretta Goggi nel 1986. Lo stesso Mango definisce quest’album come un punto di arrivo, un voler tirare le somme e fare il punto della situazione. Dopo 5 anni nel 2002 ritorna a pubblicare un album interamente di inediti: Disincanto. Come anticipato da lui stesso, stavolta troviamo un nuovo Mango, affiora una nuova veste dell’artista, ed una nuova vena compositiva. Sente per la prima volta l’esigenza di raccontarsi e quindi di scrivere i testi addentrandosi nel proprio io. Risulta essere autore di gran parte dell’intero album. Assoluto padrone e trascinatore dell’album è senza dubbio il brano “La rondine”, da segnalare inoltre, la cover di Michelle dei Beatles, eseguita straordinariamente a 6 voci, tanto originale quanto affascinante. Interamente composto da Mango, nel 2004 viene pubblicato “Ti porto in Africa” che è la naturale evoluzione del suo percorso musicale. Grande magia e raffinato equilibrio, affonda le radici nella melodia e la gestisce con suoni e arrangiamenti più propri del pop-rock di matrice anglosassone. Degno di nota è il bellissimo duetto con Lucio Dalla in “Forse che si, forse che no”. Nel 2005 “Ti amo così”, pubblicato dalla Sony-BMG, è un canto all’amore poeticizzando la vita. Unica ispirazione sono i sentimenti più profondi che, messi sul pentagramma, arrivano fino ad un Dicembre degli aranci, in duetto con la moglie Laura Valente, capace di far commuovere anche i più duri di cuore. Muore improvvisamente di infarto durante un concerto a Policoro (Matera), mentre stava cantando una delle sue più belle canzoni: “Oro”.

Sirtaki è un album del cantautore Mango, pubblicato nel 1990. Nel 1990 dopo due anni di pausa, si ritorna a Sanremo, il brano presentato è Tu si… Non è consequenziale al festival l’uscita dell’album, dapprima viene pubblicato il singolo sanremese poi bisogna attendere qualche mese prima della pubblicazione di Sirtaki. Canzoni del calibro di Nella mia città e Come Monna Lisa, diventano ben presto di grande successo in Italia e non solo. Nuovamente dall’amica Spagna arrivano segnali più che incoraggianti, viene pubblicato così il terzo album consecutivo in lingua spagnola. Nella bacheca va ad annoverarsi il premio Vela d’oro conferitogli a Riva del Garda.

Una canzone d’amore scritta per dichiarare il eterno amore alla propria partner. Un percorso di vita. “Di nuovo cosa c’è dentro la mia vita, dove finisce la pioggia cominci tu. La sabbia come te scotta tra le dita e nella storia infinita ci sei di più“. “Vivi la vita, vivi me, pioggia di marzo leggera. Dimmi che vita vuoi per te, a quale sorgente vuoi bene“. “Rimani qui così, mondo da scoprire, ora tra queste lenzuola che cosa sei?”. “Adesso che sei qui con quel sorriso da bruciare, per quante notti c’è? Tu .. si ardito affetto mio“. “Serenamente bella veramente te, completamente dentro nella mente“.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...